header Comunità Lilium
        | Home | Progetti Comunitari | Dove Siamo | Contattaci | Lilium Notizie | Lilium Video | Facebook | Twitter | Google + | Linkedin | Cearpes |
[ Comunità Minori Lilium ]   vai alla versione in inglese
| Chi Siamo | Mission | Comunità | Centro Diurno | Convegni e Corsi di Formazione | Periodico L'Onda | Lavora con Noi | 5 per Mille |

FIGURE OPERATIVE

All’interno della struttura il lavoro è organizzato per obiettivi e gestito da un’équipe multiprofessionale che comprende diverse professionalità qualificate che lavorano secondo un approccio globale e integrato. Nello specifico le figure operative sono le seguenti:

N° 1 Professionista Terapeutico esterno per ogni tipologia di laboratorio.

Si definisce CONSULENTE TERAPEUTA di laboratorio una precisa figura professionale formata per utilizzare un insieme di metodiche espressive finalizzate alla promozione umana con scopi riabilitativi, psicopedagogici, psicoterapeutici e preventivi di qualunque forma di disagio psicosociale nel trattamento dei disturbi psichiatrici, nella prevenzione del disagio in età evolutiva e nei più svariati contesti sociali.

Il Professionista terapeutico esterno svolge la sua attività in ambito socio-educativo e sanitario e possiede i seguenti requisiti:

a) conoscenza dei fondamenti teorici e pratica costante di metodologie arte terapeutiche b) conoscenza e pratica costante di diverse tecniche c) conoscenza delle principali implicazioni psicologiche (affettivo-cognitive) riguardo la dimensione creativa e l’uso delle diverse modalità d) conoscenza delle principali teorie dello sviluppo dell’individuo con particolare riferimento all’evolversi della capacità creativa e dell’espressione grafica e motoria del soggetto e) conoscenza dei fondamenti della psicopatologia con particolare riferimento alla sua espressione in ambito artistico o nelle relazioni f) avere una formazione in grado di permettergli di individuare tra i suoi utenti, anche in caso di utenza non esplicitamente patologica, i soggetti a rischio psicopatologico g) avere un’adeguata formazione psicologica che lo renda capace di sostenere una relazione con un utente disagiato h) conoscenza di un adeguato insieme di metodiche terapeutiche che gli consenta di elaborare progetti operativi in relazione al tipo d’utenza, allo spazio operativo in cui opera, o nell’ambito di progetti integrati d’intervento che prevedano anche il contributo d’altre figure professionali (come quelle d’insegnanti, psicoterapeuti, psicologi, psichiatri, neurologi, tecnici della riabilitazione, infermieri professionali e psico-pedagogisti).

N° 1 Coordinatore Svolge il ruolo di “rappresentante ufficiale” dell’equipe di lavoro. Ha il compito di gestire la struttura offrendo agli educatori la possibilità di operare nel miglior modo possibile, distribuendo il lavoro in relazione alle energie disponibili. Il Coordinatore lavora in sinergia con le Comunità della LILIUM.

N° 1 Consulente Psicologo/Psicoterapeuta Si occupa del coordinamento del lavoro in collaborazione con l’équipe curante della comunità e con le psicoterapeute. La consulente psicologa referente esegue, con l’equipe del DIURNO, incontri di verifica dei progetti riabilitativi prima, durante e dopo l’inserimento al C.D.

N° 1 Consulente Psichiatra Oltre alla supervisione dell’équipe di lavoro del C.D. ha il compito di informare sull’attività clinica psichiatrica attraverso schede personali e prescrizioni terapeutiche. Si occupa, inoltre, dell’attività medica generale con il monitoraggio delle condizioni mediche, il controllo degli effetti farmacologici, la prescrizione (consigliata al medico di base) degli esami ematochimici e delle visite specialistiche necessarie. Effettua anche verifiche con l’equipe del C.D.

Educatori della comunità La professionalità degli educatori si esplica attraverso una doppia valenza: - la prima è di responsabilità riguardo alla gestione del comportamento tenuto dagli utenti durante lo svolgimento delle attività del C.D. - la seconda consiste nell’osservare e riportare quanto accade durante le attività stesse Gli educatori partecipano alla redazione, in collaborazione con l’équipe della comunità di appartenenza, al progetto riabilitativo individuale. Ogni educatore, inoltre, vive all’interno della struttura la relazione con ciascuno dei pazienti conoscendone le vicissitudini attraverso la condivisione dei casi durante le riunioni d’équipe.

- Introduzione
- Obiettivi del servizio
- Destinatari del progetto
- Attività
- Lavoro di equipe
- Figure operative
- Organizzazione dell'inserimento
- Gestione delle urgenze
- Risorse strutturali
- Valutazione andamento terapeutico